Amministratori A.c.a.p. Associazione Condominiale Amministratori e Proprietari - Dal 1999 al vostro servizio
Home » FORMAZIONE » Corsi in aula

Corsi in aula

 - Amministratori A.c.a.p.

OFFERTA FORMATIVA

Corso Abilitante alla Professione di Amministratore di Condominio

Ai sensi delle L. 220/2012 - L. 4/2013 - D. Lgs. 13/2013 e regolamento attuativo emanato ai sensi del D.M. del 07/04/2014 e D.M. 140/2014

 

La Legge di riforma del Condominio, n. 220/2012, all’art. 25, prevede che per poter ricoprire il ruolo di amministratore di condominio è indispensabile, avere i seguenti requisiti:

  1. godimento dei diritti civili;
  2. l’assenza di condanna per delitti contro la P.A., contro il patrimonio ed ogni altro delitto non colposo con pena non inferiore a cinque anni; l’assenza di sottoposizione a misure di prevenzione;
  3. la piena capacità d’agire personale, la mancanza di annotazione del nome nell'elenco dei protesti cambiari;
  4. il diploma di scuola secondaria superiore di secondo grado;
  5. la frequenza ad un corso di formazione iniziale e poi di periodico aggiornamento.

Ne deriva che per essere amministratori di condominio è necessario seguire un corso di formazione professionale iniziale o successivo di adeguamento o aggiornamento per amministratori di condominio.

Numerosi professionisti iscritti agli ordini professionali avvertono la necessità di divenire amministratori, o di legittimare il loro status di amministratori di fatto, che operano da tempo nel settore, e hanno necessità di acquisire titoli validi ed efficaci.

E’ per questo motivo che,  l’A.C.A.P., associazione di amministrazioni condominiali, su scala nazionale, offre non solo un percorso di formazione teorico, ma anche pratico, nonché una fase di informatizzazione dell’attività dell’amministratore di condominio.

Una valida offerta formativa, accompagnata da una serie di vantaggi operativi per gli amministratori di condominio che verranno formati.

 

I PRESUPPOSTI ATTITUDINALI

L’esercizio della professione di amministratore  condominiale non può prescindere, proprio per le particolari attività che vengono svolte, da una precisa attitudine, verificabile non solo attraverso l’acquisizione di un bagaglio di conoscenze ma anche con  l’acquisizione di una consapevolezza della propria capacità di dialogo e di mediazione. Il professionista inoltre, deve sapere gestire il proprio studio, sia per i rapporti con i fornitori che per i rapporti con i collaboratori ed  i dipendenti. Queste capacità, indispensabili per chi si trovi a interloquire ogni giorno con decine di persone diverse, dai condòmini ai fornitori, dagli uffici pubblici ai consulenti tecnici e legali, non possono che essere valutate da un tecnico. La valutazione deve consentire all’aspirante professionista di misurare le proprie capacità relazionali, anche sotto il profilo manageriale. La valutazione dovrà quindi essere condotta, attraverso test appositamente studiati e un colloquio finale di restituzione, da personale specializzato (psicologi o esperti di PNL) e non va considerata in alcun  modo quale condizione preclusiva all’avvio della formazione; deve invece avere lo scopo di far emergere le attitudini più o meno spiccate per la professione, di cui l’aspirante professionista possa tener conto nella decisione di intraprenderla.

 

LA FORMAZIONE

Accanto alle materie tecniche e giuridiche, fulcro della formazione e affidate a professionisti del settore con precise esperienze in campo condominiale e immobiliare, occorre tener conto della necessità di una preparazione specifica per la gestione delle relazioni. I formatori di questa sezione del corso potranno anche non essere psicologi ma poter vantare una specifica esperienza di successo in questo campo.

 

 PROGRAMMA CORSO          REGOLAMENTO CORSO          INFORMATIVA PRIVACY          CORSI ATTIVI